Studio britannico: fra tre generazioni non sapremo più cucinare

Studio britannico: fra tre generazioni non sapremo più cucinare

L’abilità in cucina potrebbe essere persa nel giro di sole due generazioni, secondo la scrittrice scientifica Nicola Temple. Una premonizione che non sembra per nulla assurda se consideriamo le abilità ai fornelli delle nostre nonne e quelle attuali. Lo studio riguarderebbe la popolazione britannica, ma come ben sappiamo la Gran Bretagna è anticipatrice di eventi.

Coloro che acquistano piatti pronti e takeaway sono felici di esporsi ad additivi e conservanti perché hanno deciso, per qualsiasi motivo, di non avere più tempo per preparare i propri pasti. In una conferenza sul futuro del cibo, ha detto al ‘Daily Mail’: “Siamo sempre in movimento – a parte il tempo, amiamo parlare di quanto siamo impegnati. Ma la persona media del Regno Unito guarda ogni giorno tre ore e mezza di televisione, quindi penso che dobbiamo essere onesti sul fatto che siamo troppo occupati a cucinare o che in realtà non vogliamo cucinare”.

Sempre più persone optano per pasti pronti a causa della diminuzione dell’importanza dell’unità familiare e della possibilità di sedersi insieme per mangiare. Le famiglie monoparentali sono anche più diffuse e le persone single hanno meno probabilità di fare pasti perché può sembrare troppo impegnativo. Medesimo discorso per l’arte del cucito. La signora Temple dopo aver chiesto a quanti tra il pubblico si sentissero sicuri di cucire il proprio abbigliamento ha ammesso: “Non so farlo, ma mia nonna sarebbe stata in grado di farlo e la mia bisnonna sicuramente sarebbe stata in grado. In un paio di generazioni abbiamo perso un’abilità e ora ci affidiamo interamente ai produttori di abbigliamento per realizzare i nostri vestiti…La mia domanda è, tra un paio di generazioni potremmo perdere l’abilità di cucinare? Questo è molto preoccupante. ” Dopo il discorso, ha avvertito che entro due o tre generazioni è possibile che molti di noi potrebbero perdere la capacità di cucinare, nello stesso modo in cui abbiamo perso queste altre abilità domestiche in passato.

In media una persona trascorre 34 minuti a cucinare un pasto serale, rispetto a un’ora negli anni ’80, e più di 1,6 miliardi di pasti pronti vengono consumati per cena ogni anno. Secondo un sondaggio un quarto di coloro che sono nati tra gli inizi degli anni ’80 e la metà degli anni ’90 non è nemmeno interessato a imparare a cucinare. “Le persone sono ossessionate dal cibo, il che significa che sono ossessionate dal guardare spettacoli di cucina… Ma queste persone non sono ossessionate dal preparare il cibo”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post