Una tazza di camomilla al giorno allunga la vita

Una tazza di camomilla al giorno allunga la vita

La camomilla è una pianta erbacea conosciuta sin dall’antichità per le sue proprietà calmanti. Fiorisce da maggio a settembre e le varietà più conosciute sono quella tedesca e quella romana. Le prime testimonianze di questa pianta risalgono agli antichi egizi ma ancora oggi vengono scoperte nuove proprietà dalla scienza moderna.

Una tazza di infuso di camomilla vanta diversi minerali: calcio, sodio, potassio, ferro, magnesio, zinco, rame, fluoro e manganese. Presenti anche le vitamina A, del gruppo B e J, antiossidanti, flavonoidi, acido oleico, luteolina, quercetina, mucillagini e acido palmitico.

Oltre a contrastare l’azione dei radicali liberi allevia infiammazioni e spasmi muscolari, protegge lo stomaco (ha effetti antinfiammatori a livello della mucosa dello stomaco), elimina i gas intestinali e favorisce la digestione, producendo un generale miglioramento delle funzionalità del sistema gastroenterico.

Da secoli sono note le sue proprietà sedative ed è uno dei migliori rimedi naturali per chi soffre di insonnia. Aiuta a rilassare i nervi e chi soffre di depressione. Inoltre camomilla può essere applicata anche a livello topico, per trattare la congiuntivite.

Secondo una recente ricerca una tisana a base di camomilla avrebbe delle proprietà straordinarie, tanto da essere in grado di allungare la vita se assunta con una certa regolarità. Gli scienziati hanno  studiato gli effetti che la camomilla ha avuto su 1.667 uomini e donne, il cui stato di salute è stato monitorato per 7 anni. La scienza insiste particolarmente sulle proprietà antinfiammatorie della camomilla ed ha un effetto efficace contro i microbi. In base a questa ricerca americana bere una tazza al giorno di infuso di camomilla ridurrebbe del 29% il rischio di morte prematura. Tutto merito degli antiossidnati presenti in questa bevanda naturale  che riesce a contrastare l’effetto dei radicali liberi, principali responsabili dell’invecchiamento cellulare e di molte malattie degenerative.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post