Un bicchiere di vino rosso contro il cancro alla prostata

Un bicchiere di vino rosso contro il cancro alla prostata

Bere un bicchiere di vino rosso al giorno potrebbe aiutare a ridurre del 12 per cento il rischio di cancro alla prostata per gli uomini. Tuttavia, un consumo moderato di vino bianco, come lo Chardonnay, aumenta il rischio della malattia del 26%, secondo uno studio scientifico condotto dal professor Shahrokh Shariat, dell’Università di Vienna.

Secondo i ricercatori, il vino rosso contiene circa 10 volte in più di più polifenoli rispetto al vino bianco, il che spiegherebbe le sue capacità antitumorali. “È già stato dimostrato che i polifenoli, che si trovano prevalentemente nel vino rosso, possono avere un effetto protettivo per molte malattie e alcuni tipi di cancro”. Solo nel Regno Unito il cancro alla prostata colpisce più di 47.000 nuovi uomini.

Il professor Shariat aggiunge che gli uomini non dovrebbero essere preoccupati per il loro consumo moderato di vino bianco, a condizione di evitare altri fattori di rischio per il cancro alla prostata, come il fumo e un’eccessiva assunzione di carne rossa. L’Autorità alimentare europea ha precedentemente affermato che l’olio di oliva, ricco di polifenoli, previene la coagulazione dei globuli rossi e riduce il rischio di diabete per le persone migliorando la sensibilità all’insulina.

A proposito dei risultati, il dott. Iain Frame, direttore della ricerca di Prostate Cancer UK, ha dichiarato: “Non è consigliabile trarre conclusioni concrete sul legame tra bere vino e rischio di cancro alla prostata basato su questo studio e non raccomandiamo a nessuno di cambiare le loro abitudini di bere basandosi solo su questi risultati. Al contrario, è importante che tutti gli uomini mantengano uno stile di vita sano con una dieta bilanciata e un consumo limitato di alcol e familiarizzino con i tre fattori di rischio noti per il cancro alla prostata: avere più di 50 anni, avere una storia familiare della malattia e l’etnia.

 

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post