Un digiuno di 16 ore può migliorare drasticamente la tua salute

Un digiuno di 16 ore può migliorare drasticamente la tua salute

lunch time

Oggi la scienza ne ha dimostrato la sua efficacia: il digiuno di 16 ore (e meglio ancora quello di 24) aiuta ad innescare alcuni processi benefici per il nostro corpo.

Astenersi totalmente o anche parzialmente dal cibo anche per un solo giorno a settimana produce vantaggi per tutto il corpo. Gli studiosi affermano che c’è un aumento di circa il 40 % della longevità.

Passiamo ora agli effetti visibili che ha il digiuno sul nostro corpo: aumenta la resistenza del corpo, diminuisce il rischio di diabete, diminuisce il rischio di malattie al cuore, aiuta a ridurre il colesterolo e può aiutarvi a contrastare il cancro.

Il Dr Paul Jaminet afferma che il digiuno aiuta ad uccidere molti patogeni, migliora la nostra salute e aumenta la longevità. Il digiuno non dovrebbero superare le 24 ore, infatti secondo il dottore è meglio digiunare spesso ma poco. Secondo il dottore digiunare per 16 ore al giorno una volta a settimana.

La popolazione di Kitivan è solita digiunare quotidianamente ed è molto conosciuta per l’assenza di malattie, hanno un solo ed unico pasto al tramonto e durante la giornata si cibano solo di banane e cocco.

Un digiuno di 16 ore aiuta inoltre a ridurre del 58 % il rischio di malattie cardiache e del 50 % il rischio di diabete.

Stare un po’ senza mangiare riduce l’infiammazione, migliora la risposta immunitaria, aiuta a attivare e velocizzare il metabolismo e aiuta a perdere peso.

Inoltre il digiuno rallenta la crescita dei tumori.

Se non riuscite a stare senza mangiare per 16 ore potete mangiare solo frutta fresca e verdure per 16 ore una volta a settimana, i risultati saranno evidenti.

Il nostro consiglio è inoltre quello di evitare i cibi spazzatura e preferire una dieta il più possibile sana, senza alimenti con conservanti e additivi. Cercate di preparare le cose in casa e fidarvi solo di quello che preparate voi con le vostre mani.

Proviamo?

dionidream

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post