Un superfood aiuta a prevenire demenza e infarto

Un superfood aiuta a prevenire demenza e infarto

di Ivana Tramontano

Una dieta sana ed equilibrata può ridurre il rischio di una persona di sviluppare gravi complicazioni per la salute. Un certo superfood è stato pubblicizzato per i suoi innumerevoli benefici per la salute.

L’aspettativa di vita è in gran parte determinata dalle decisioni che le persone prendono lungo la strada. Mantenere sani gli organi vitali del corpo può allontanare il rischio di sviluppare malattie che possono abbreviare la vita di una persona, come le malattie cardiache. Alcuni alimenti hanno dimostrato di fornire una vasta gamma di benefici per la salute. Prove scientifiche supportano l’assunzione di curcuma per migliorare la salute del cervello e del cuore.

La curcuma è una spezia che ha una ricca storia nella cucina indiana. Negli ultimi anni, la spezia è stata pubblicizzata come una panacea per una vasta gamma di problemi di salute. La ricerca suggerisce che il suo principale valore medicinale deriva dal suo composto chiamato curcumina, il principale ingrediente attivo nella curcuma. Gli studi hanno dimostrato che la curcumina può apportare benefici al cervello e al cuore.

Cervello

Uno studio, pubblicato sull’American Journal of Geriatric Psychiatry, ha scoperto che il consumo giornaliero di una certa forma di curcumina ha aumentato la funzione cognitiva nelle persone con lieve perdita di memoria correlata all’età. Lo studio ha esaminato gli effetti di un integratore di curcumina facilmente assorbito sulle prestazioni della memoria nelle persone senza demenza, nonché il potenziale impatto della curcumina sulle placche e sui grovigli microscopici nel cervello delle persone con malattia di Alzheimer.

Le persone che hanno assunto la curcumina hanno avuto miglioramenti significativi nella loro memoria e capacità di attenzione, mentre i soggetti che hanno ricevuto il placebo no. Nei test di memoria, le persone che assumevano curcumina sono migliorate del 28 percento in 18 mesi. Coloro che assumevano curcumina avevano anche lievi miglioramenti dell’umore.

Le prove suggeriscono anche che la curcumina aumenta i livelli di ormone chiamato fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF). Molti disturbi cerebrali comuni sono stati collegati a livelli ridotti di questo ormone, inclusi depressione e morbo di Alzheimer.

Cuore

Le prove suggeriscono che la curcumina può invertire i fattori che portano a malattie cardiache. Uno dei suoi principali benefici per la salute del cuore è la sua capacità di potenziare la funzione dell’endotelio, che è il rivestimento dei vasi sanguigni di una persona. Le prove scientifiche collegano la disfunzione endoteliale al rischio di malattie cardiache in quanto comporta la capacità di regolare la pressione sanguigna, la coagulazione del sangue e vari altri fattori.

Diversi studi suggeriscono che la curcumina porta a miglioramenti della funzione endoteliale. Uno studio ha scoperto che è efficace quanto l’esercizio fisico, mentre un altro mostra che funziona bene come il farmaco Atorvastatina. Inoltre, la curcumina riduce l’infiammazione e l’ossidazione, meccanismi che possono contribuire alle malattie cardiache. Lo studio ha assegnato in modo casuale 121 persone, che erano sottoposte a un intervento chirurgico di bypass dell’arteria coronaria, un placebo o quattro grammi di curcumina al giorno, pochi giorni prima e dopo l’intervento chirurgico. Il gruppo con curcumina aveva un rischio ridotto del 65% di infarto in ospedale.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post