Zucchine, ecco quando possono essere velenose: prestate attenzione

Di tipologie di zucchine ne esistono moltissimi tipi: le zucchine trombetta, quelle romanesche, quelle fiorentine eccetera eccetera. C’è però un caso in particolare in cui esse possono essere velenose. Andiamo a scoprirlo insieme.

zucchine velenose
Il caso in cui le zucchine possono essere velenose (Canva)

LE RICETTE PIU’ BUONE DI OGGI:

  1. Torta alle mele, la versione super light senza grassi e poche calorie. Da provare!
  2. Insalata di mare, la ricetta che porta a tavola il profumo autentico dell’estate
  3. Calamari ripieni al profumo di limone, un secondo piatto da leccarsi i baffi! Pronto in pochi minuti

Come dice di per sé il nome, le zucchine non sono altro che zucche piccole originarie dell’America Centrale. Vengono raccolte quando la loro lunghezza massima arriva a circa 20 cm, impedendo così che diventino zucche.

Per quanto riguarda i valori nutrizionali, esse sono composte principalmente da acqua, ottime dunque per l’idratazione ed apportano pochissime calorie (appena 11 kcal ogni 100 grammi di alimento).

Per quanto riguarda le vitamine troviamo grandi quantità soprattutto di quelle relative al gruppo A ed al gruppo C mentre per quanto concerne i sali minerali essa possiede buoni livelli di potassio, calcio, fosforo e ferro.

Ne esistono numerosissime tipologie in natura ed è utile sapere per come si differenziano per lo scopo dell’articolo.

Zucchina romanesca

È più piccola e più chiara nella buccia rispetto alle altre e risulta anche molto più croccante una volta cucinata.

Si mangia quasi sempre cotta come contorno estivo, accompagnandola con delle uova o magari facendola diventare condimento per una squisita pasta.

Pasta e zucchine (Foto di Lsantilli da Adobe Stock)

Zucchina nera

È quella più comune nei supermercati ed è di colore verde scuro e di forma cilindrica. È al centro di molte pietanze estive data la sua freschezza ed il suo apporto di acqua.

Viene soprannominata zucchino nero di Milano e può essere cucinata in mille modi diversi: alla griglia, marinata, lessa, nella pasta, nelle minestre o infine anche nelle frittate.

Zucchina trombetta

Questa specie viene coltivata in modo principale in Liguria, nella zona di Albenga. Il suo aspetto è molto caratteristico rispetto alle altre zucchine: è sottile, rigonfia sulla parte finale ed attorcigliata.

La sua buccia ha un colore verde chiarissimo e il suo sapore è molto dolce. Può essere cucinata stufandola, rosolandola o saltandola per accompagnare maggiormente secondi piatti di pesce.

Completano poi la lista delle varietà di zucchine quelle napoletane, ottime per farle alla scapece, quelle fiorentina, assai saporite e quelle tonde piacentine e di Nizza, super dolci.

varietà zucchine
Varietà di zucchine (Canva)

Quando le zucchine possono essere velenose

Molti esperti di settore garantiscono che le zucchine più diventano grandi più possono essere velenose o tossiche.

Inoltre le zucchine sono ortaggi che hanno bisogno di una grandissima quantità di acqua per compiere la completa maturazione.

Se l’estate è caratterizzata da temperature eccessivamente alte, le piante risulteranno stressate e produrranno frutti, ovvero zucchine, non buone perché contenenti sostanze dannose.

Il campanello d’allarme arriva dal loro sapore: se risulta veramente troppo amaro potrebbero essere tossiche. Ciò è dato dalla cucurbitacina che non si elimina nemmeno con le cotture ad altissime temperature.

Ciò che può comportare l’ingerimento di tale sostanza è diarrea, giramenti di testa, dolori addominali, vomito, nausea e disturbi dell’apparato digerente. Prestate molta attenzione dunque ed assaporate per bene questi ortaggi.