4 Motivi Per Cui Le Patate Dolci Americane Sono Meglio Di…

4 Motivi Per Cui Le Patate Dolci Americane Sono Meglio Di Quelle Normali
LA PREPARAZIONE

Sta diventando sempre più un luogo comune recarsi dal fruttivendolo o al supermercato e trovare delle patate di forma e colore insoliti rispetto a quelle cui siamo abituati a vedere e mangiare. Intanto iniziamo con il dire che le patate dolci di colore violaceo si cucinano allo stesso modo delle tradizionali patate a pasta bianca, sia nella cottura a forno, che a vapore o fritte.

1. Le patate dolci, patate americane o batate hanno un gusto più raffinato e piacevole rispetto a quelle bianche, motivo per cui possono essere anche assaporate senza eccessivi condimenti. Inoltre sono più ricche di vitamine e minerali, in particolar modo di betacarotene, un antiossidante in grado di contrastare l’azione dei radicali liberi e prevenire forme tumorali.

2. Le patate dolci hanno un basso indice glicemico, quindi quando le mangiamo i livelli di zucchero nel sangue aumentano in maniera molto più lieve. Quindi sono molto consigliate per prevenire il diabete, la pressione alta, i livelli di colesterolo, l’acne e vari tipi di tumore. Inoltre avendo più fibre e meno calorie consentono a chi è in sovrappeso di perdere chili e mantenere una linea migliore.

3. Le patate dolci hanno una bassissima concentrazione di anti-nutrienti, nocivi per la nostra salute. E’ una fonte sostanziosa di vitamina C, essenziale per permettere al nostro organismo di affrontare al meglio il rigore e le malattie invernali. L’ideale sarebbe consumare la patata dolce con la buccia, dove sono annidati maggiormente i pigmenti antociani noti per le proprietà antiossidanti che superano quelle della vitamina C, e per il loro potere anti-infiammatorio. Più la sua buccia è scura, più la patata dolce è un buon antiossidante, quindi non esitate a scegliere quelle viola!

4. Per abbassare ulteriormente l’indice glicemico delle patate viola si consiglia di consumarle con dei grassi come l’olio di oliva, cuocerle a vapore o a bassa temperatura.

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post