Alimentazione disordinata vs disturbi alimentari: non sono la stessa cosa. Il motivo svelato dagli esperti

Alimentazione disordinata e disturbi alimentari non sono sinonimi: a spiegarlo sono gli esperti. Ecco di cosa si tratta. 

menù di ferragosto ricette benedetta rossi
Tavola da pic nic (foto da pexels di rachel-claire)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Il rapporto con il cibo, talvolta, non è un qualcosa di semplice. Il cibo è vita, ma spesso viene visto come un nemico, diventando un ostacolo per il benessere.

Sono tanti i disturbi legati al comportamento alimentare: dall’anoressia, alla bulimia, all’ortoressia, questi non vanno confusi con l’alimentazione disordinata.

Seppur possono avere alcuni elementi in comune, non sono considerati sinonimi e a confermarlo sono gli esperti.

Alimentazione disordinata vs disturbi alimentari: le differenze

L’alimentazione disordinata ha in comune coi disturbi alimentari abitudini a tavola poco equilibrate, passando dal saltare un pasto a ingozzarsi magari a quello successivo.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Digiuno
Digiuno (Pexels)

Saltare i pasti perché magari troppo impegnati e poi lasciarsi andare a qualunque voglia ha pesanti ripercussioni sul corpo non solo per il fatto che si può sballare il metabolismo – e mettere su peso – ma anche perché non si daranno al corpo le sostanze necessarie per nutrirsi in modo corretto.

Il cibo è per il fisico quello che la benzina è per la macchina e per questo va consumato in modo corretto. Tuttavia l’alimentazione disordinata non comporta le ripercussioni dei disturbi alimentari, in molti casi invalidanti per l’esistenza.

Secondo gli esperti, quindi, non possono essere considerati sinonimi.

digiuno intermittente dieta vip
Come dimagrire con il digiuno intermittente (jarmoluk da Pixabay)

I DCA sono, infatti, pesanti malattie che possono sfociare in un quadro clinico molto serio come nel caso dell’anoressia che può portare al ricovero e nei casi più allarmanti nel decesso di chi ne soffre.

Ancora oggi ci sono simili casi, mettendo in luce su quanto bisogna fare ancora per mettere fine a questi disturbi dettati anche da una società sempre più improntata sull’immagine con le pubblicità e i social media che propinano modelli di corpo perfetti.