Cosa sono le macchie bianche sulle unghie?

Cosa sono le macchie bianche sulle unghie?

Piccole macchie bianche sulle unghie dei piedi o delle mani possono essere indice di un problema più serio di quello che appare. A causare queste macchie è la cosiddetta leuconichia che si manifesta con piccoli puntini di colore bianco o striature sparsi su tutta la superficie dell’unghia che non provocano nessun tipo di fastidio.

In buona parte dei casi si tratta di un problema banale, dovuto a urti contro superfici dure o a calzature troppo strette e scomode. A volte nelle donne possono comparire in seguito a manicure sbagliate o all’uso di prodotti come smalti e cosmetici di bassa qualità. Solitamente questo problema tende a scomparire in pochi giorni, ma qualora dovesse persistere potrebbe essere indice di problemi di salute ben più gravi.

In questa ipotesi potrebbe trattarsi di una onicomicosi, ossia un’infezione delle unghie da curare sia con l’applicazione di smalti medicati che di farmaci per via orale. L’unico modo per ovviare a questo problema è la prevenzione, in quanto non esistono soluzioni durante il decorso del disturbo.

Tra le cause della leuconichia persistente potrebbe esserci alla basa un problema al fegato, ad esempio la cirrosi epatica. In tal caso è opportuno rivolgersi a cure mediche specialistiche. Tra le altre cause possiamo annoverare traumi subiti con urti o una manicure errata. Oppure una carenza di vitamina C e B6.

Oppure patologie cutanee come la psoriasi ,eczema, alopecia, dermatite seborroica ,ipertiroidismo , la cirrosi epatica.l’ insufficienza renale; disturbi da carenza di calcio, di zinco, vitamina B6; assunzione di alcuni farmaci (chemioterapici o altri farmaci citotossici.

Nei casi di leuconichia tradizionale e meno grave i rimedi consistono in una dieta equilibrata e in uno stile di vita sano. Quindi via libera ad alimenti ricchi di vitamine (frutta e verdura), di sali minerali, di amminoacidi essenziali e tanta acqua. Qualora il problema dovesse persistere oltre una settimana si consiglia di consultare il medico di famiglia che vi prescriverà i dovuti accertamenti.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post