La dieta vegetariana può prevenire 1/3 delle morti premature

La dieta vegetariana può prevenire 1/3 delle morti premature

La carne rossa è uno degli alimenti che andrebbe mangiato sporadicamente secondo l’OMS per evitare malattie tumorali. Ma secondo una nuova ricerca condotta dall’Università di Harvard almeno un terzo  delle morti premature potrebbe essere prevenuto se la carne fosse bandita dalle diete a livello globale. I risultati dello studio sono stati presentati questa settimana alla conferenza internazionale Unite to Cure Four Vatican in Vaticano, dal ricercatore principale Walter Willett, professore di epidemiologia e nutrizione presso la Harvard Medical School.

Uno studio dell’Università di Harvard ha rilevato che quasi un milione di vite americane potrebbero essere salvate ogni anno se le persone eliminassero la carne dalla loro dieta, un numero molto più alto di quanto si pensasse in precedenza.  Per anni gli esperti di salute hanno cercato di identificare le migliori diete da seguire in quanto la ricerca mostra che le quattro principali cause di morte negli Stati Uniti sono prevenibili con uno stile di vita sano, secondo i Centers for Disease Control and Prevention. I ricercatori di Harvard dicono che le loro nuove scoperte indicano che le persone stanno sottovalutando enormemente i benefici di una dieta vegetariana, secondo il Telegraph .

Nell’ultimo decennio un crescente numero di ricerche ha suggerito che la dieta vegetariana può essere collegata a un minor rischio di malattie croniche, perché rispetto ai mangiatori di carne, i vegetariani tendono a consumare meno grassi saturi e ad accumulare colesterolo, responsabile di problemi cardiovascolari e altri problemi di salute. La dieta vegetariana è anche ricca di elementi protettivi tra cui vitamine C ed E, fibre alimentari, acido folico, potassio, magnesio e sostanze fitochimiche. Di conseguenza, i vegetariani hanno generalmente un colesterolo totale e LDL inferiore, una pressione sanguigna più bassa e un indice di massa corporea più basso, tutti associati alla longevità e un rischio ridotto per molte malattie croniche. I nuovi dati dell’Università di Harvard suggeriscono che i benefici del vegetarismo siano ancora più rilevanti di quanto si pensasse in precedenza.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post