Mangialo per avere una memoria di ferro. Alimento miracoloso

Grazie a un alimento specifico è possibile avere una memoria di ferro. Ecco di cosa si tratta per superare qualsiasi esame e per incamerare quante più informazioni possibile.

Memoria: alimento miracoloso
Memoria (Foto di Kindel Media da Pexels)

LE RICETTE PIU’ BUONE DI OGGI:

Con l’entrata nel vivo di maggio, è tempo di sessione di esami. Molti universitari sono in ansia per via dei tanti libri che devono studiare e pertanto una memoria di ferro è quello che farebbe al caso loro per per passare i tanto temuti esami, tra test scritti e orali. Ma non sono solo loro a desiderare una memoria perfetta, anche i lavoratori, tra progetti e scadenze, ne farebbero una scorta infinita.

Avere una buona memoria può servire anche nei contesti più lucidi, per esempio dopo che si è presentata una persona spesso si dimentica il nome incappando in possibili brutte figure. Avere una buona memoria è quindi un sogno condiviso: complice la genetica, esistono tuttavia dei modi per stimolarla sia in termini di esercizi, giochi e alimentazione. Sì perché siamo quello che mangiamo e il cibo è anche nutrimento per mente, portando a potenziarne le funzioni se si scelgono gli alimenti giusti. Uno in particolare fa davvero la differenza per ricordarsi tutto in un batter d’occhio.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Memoria di ferro: l’alimento immancabile sulla tavola

Che si sia degli distratti, oppure si voglia incrementare le performance della propria memoria, un cibo in particolare deve essere inserito nella dieta.

Memoria
Memoria (Foto di energepic.com da Pexels)

Si tratta del riso nero, noto anche come riso Venere, molto amato per il suo gusto particolare che dà vita a primi di pesce spettacolari e insalatone fredde da urlo. Questo sarebbe alleato della memoria grazie alla sue proprietà, superando persino mirtilli e mori, frutti amici della memoria.

Oltre a potenziare la capacità di ricordare le cose, questo riso permette di contrastare l’invecchiamento cellulare, evitando il declino delle funzioni cognitive.

ricette sfiziose con riso venere
Riso venere (foto da AdobeStock)

Gustoso e versatile, ha il pregio di non aver zuccheri, e contenere un maggior quantitativo di proteine, vitamine e minerali rispetto a quello bianco. Oltre ad aiutare la memoria è un alleato dell’intestino contribuendone alla regolarità. Unico inconveniente richiede più di 40 minuti per la cottura e pertanto bisogna contare questi tempi per la sua preparazione molto più lunga rispetto al riso bianco.