Panelle siciliane, la ricetta originale di uno street food da leccarsi i baffi

Le panelle sono uno dei piatti tipici dello street food siciliano, semplici ed appetitose, da mangiare rigorosamente con un morbido panino

Panelle siciliane
Panelle (foto da Instagram @fishandcosurgelati)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

La cucina siciliana è, fra quelle proposte nelle varie ragioni d’Italia, senza dubbio una delle più ricche ed appetitose tanto da rapire letteralmente già al primo morso.

Fra le prelibatezze tipiche di quest’incantevole isola ci sono indubbiamente le panelle, uno street food per eccellenza, che spesso si accompagnano con arancine e cazzilli.

Si tratta di una specialità a base di farina di ceci fritta che, secondo la tradizione, va mangiata in un panini morbidi non a caso chiamati “sempre freschi” proprio a volerne sottolineare la genuinità.

Un piatto dal sapore semplice ed intenso che però conquista grazie alla sua fantastica consistenza croccante. L’unica controindicazione è che non se ne avranno mai abbastanza perché uno tira l’altro.

Panelle siciliane, la ricetta

Le panelle, semplici e croccanti, sono lo street food siciliano per eccellenza. Perfette per portare nella propria cucina il sapore inconfondibile dell’isola rigorosamente insieme ad un panino morbido e ad una spruzzata di limone.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

panelle siciliane
Panelle (foto da Instagram @essezec)

INGREDIENTI (PER 20 PANELLE)

  • 250 g di farina di ceci
  • 0,75 l d’acqua
  • Prezzemolo q.b.
  • Olio di semi q.b.
  • Pepe q.b.
  • Sale q.b.

PROCEDIMENTO (60 MINUTI + 3 ORE DI RIPOSO)

Preparare le panelle siciliane è semplicissimo, occorre soltanto un po’ di pazienza per ottenere risultati unici. Innanzitutto versate in una ciotola capiente tutta l’acqua e aggiungete lentamente la farina di ceci setacciata mescolando con una frusta a mano.

È fondamentale, per poter ottenere un composto liscio e senza grumi che sia la farina ad essere versata nell’acqua e non il contrario.

Quando la farina sarà incorporata e avrete ottenuto un composto liquido e liscio aggiungete il sale e il pepe dosando le quantità in base al vostro gusto personale.

Trasferite poi il tutto in una pentola abbastanza capiente e accendete il fornello a fuoco medio.

Lasciate cuocere la pastella sempre continuando a mescolare con una frusta e proseguite per dieci minuti da quando avrà raggiunto il bollore.

Il risultato dovrebbe essere quello di un composto sodo e abbastanza compatto tanto che dovrete impiegare un po’ di forza per continuare a mescolare. Alla fine aggiungete del prezzemolo tritato e amalgamate il tutto.

A questo punto versate il composto in uno stampo foderato da carta forno e, dopo averlo livellato, lasciate raffreddare per almeno 3 ore in modo da dargli una maggiore compattezza.

Se volete velocizzare i tempi, quando si sarà raffreddato, potete anche inserire lo stampo nel frigo.

Trascorso il tempo di riposo togliete il composto dallo stampo e tagliatelo in fette sottili.

A questo punto le vostre panelle sono pronte per fare l’ultimo tuffo nell’olio bollente che avrete scaldato in una padella dai bordi alti.

Dopo pochi minuti, quando entrambi i lati saranno dorati, togliete le panelle siciliane dal fuoco e lasciatele asciugare su carta assorbente.

panelle siciliane
Pane e panelle (foto da Instagram @artineca)

Dopo un’ultima spolverata di sale, se lo gradite, le panelle siciliane saranno pronte per essere gustate da sole oppure, meglio ancora, messe in un panino morbido ma senza mai dimenticare qualche goccia di limone.