Quali sono i peggiori marchi di cioccolato? Li hai comprati una volta nella vita

Non è solo il sapore che conta. Ci sono parametri di determinate caratteristiche etiche da rispettare ed alcuni marchi non lo fanno. Scopriamo quali sono.

peggiori marchi cioccolato
Peggiori marchi di cioccolato (foto di Robert Kneschke da AdobeStock)

LE RICETTE PIU’ BUONE DI OGGI:

  1. Polpette di melanzana succulente. Si sciolgono in bocca, una bontà irresistibile
  2. Benedetta Parodi prepara i khachapuri. Perfetti pre Pasqua: sono facilissimi
  3. Pesto alla trapanese, metti un ingrediente segreto che lo rende profumato

Non è solo la bontà del sapore del cioccolato quello che conta. Dietro la produzione di questo prodotto tanto amato e consumato, ci sono fattori di trasparenza ed etica ambientale che non possono essere trascurati.

Una recente indagine della Chocolate Company Scorecard  di questi primi mesi del 2022 ha valutato secondo questi parametri i marchi più diffusi in commercio e più conosciuti come produttori di cioccolato a livello mondiale.

I parametri a cui si sono attenuti nel valutare riguardano in primo luogo la trasparenza e la tracciabilità, il lavoro considerando se viene utilizzato quello minorile, il reddito dei lavoratori del settore.

Ma non solo, sono stati considerati anche problemi come la deforestazione e il clima e il ruolo che questi marchi hanno al riguardo.

In particolare si è posta l’attenzione sul modo di coltivare il cacao preservando l’ambiente, quindi con un intento ecologico.

Ed inoltre, l’eventuale uso di pesticidi che viene fatto in quella che è la gestione agrochimica.

I peggiori marchi che non rispettano i giusti parametri etici

In assoluto tra i peggiori si colloca Storck, storico marchio produttore di Toffifay, Merci e Werther’s. Questa ed altre aziende produttrici si è rifiutata di partecipare all’indagine non comunicando i dati richiesti.

Starbucks classifica marchi cioccolato
Starbucks nella classifica della Chocolate Company (Foto di Şahin Sezer Dinçer da Pixabay)

Questo atteggiamento è stato giudicato molto negativamente soprattutto per l’assenza di trasparenza e questo certamente ha contribuito a farle entrare nella classifica delle aziende non ecologicamente corrette.

Anche General Mills e nientemeno che il celebre Starbucks sono finiti nell’elenco dei peggiori con la valutazione secondo cui l’azienda è “priva della trasparenza che i consumatori ora si aspettano”.

Altri marchi si sono classificati a seguire e hanno ricevuto un punteggio negativo di uova rosse con la dicitura “dovrebbe fare progressi per raggiungere il mercato”.

Tra questi marchi, più o meno conosciuti, rientrano Meji, Morinaga Dars, ma anche Glico e un nome molto famoso, quello di Kellogg’s, il noto brand di cereali e prodotti per la colazione molti dei quali con all’interno appunto il cioccolato.

scaglie cioccolato peggiori marchi
Scaglie di cioccolato (Foto di congerdesign da Pixabay)

Ciò che è stato penalizzante per queste aziende è stata sicuramente la mancata adesione all’indagine, perché la Chocolate Collective ha espressamente dichiarato che “tutte le aziende che vendono prodotti a base di cioccolato dovrebbero essere in grado di fornire le informazioni  che chiediamo e consumatori e investitori hanno il diritto di conoscere le condizioni in cui viene prodotto il cioccolato”