Si può congelare il lievito di birra?

Si può congelare il lievito di birra?

LA PREPARAZIONE
di Marco

E’ possibile congelare il lievito di birra? Se ve lo state chiedendo, siete nel posto giusto. Cerchiamo di scoprirlo insieme e diamo una risposta a questa domanda

Lievito di birra congelare
Si può congelare il lievito di birra?

Possiamo congelare il lievito di birra? Può capitare di comprarne qualcuno in più e che, appunto, i panetti vadano in scadenza. Il lievito è molto importante in una casa, soprattutto se si è soliti preparare il pane o la pizza. Per evitare che scada, senza utilizzarlo e quindi perdendolo così, nel frigorifero, c’è solo un modo. E’ possibile, dunque, congelarlo? Vediamo insieme cosa si può fare e come bisogna farlo per avere sempre a disposizione un po’ di lievito per le nostre ‘creazioni culinarie’.

Si può congelare il lievito di birra?

Se vi state chiedendo se è possibile congelare il lievito, allora siete nel posto giusto. Secondo quanto si apprende da giallozafferano.it, è possibile congelare il lievito di birra. A volte, ci capita che passino dei giorni e resti lì, inutilizzato. Prima che scada, secondo quanto riportato, è possibile congelarlo. I giorni della scadenza saranno sempre quelli. No, a quanto pare, nel congelarlo fermeremo il processo che lo porta a scadere. Tuttavia, bisogna fare attenzione a non congelarlo quando è già scaduto. Sarebbe pericoloso oltre che inutile nella preparazione dei nostri impasti. Quando lo tirare fuori non fate passare troppo tempo e consumatelo entro qualche settimana al massimo. Inoltre, se il vostro panetto di lievito non è stato ancora aperto, potete inserirlo in freezer tranquillamente. Se è già aperto, invece, possiamo consigliare di richiuderlo bene in un po’ di pellicola trasparente. Al massimo, se non avete la pellicola, utilizzare un contenitore di plastica. Fate attenzione: il lievito di birra congelato non va scongelato e non pensate di poter usare il microonde. Il motivo? Potreste perdere la sua efficacia. Potrete scioglierlo in un po’ d’acqua tiepida, oppure del latte.

 

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post