Aceto di mele, come dire addio alla cellulite

Aceto di mele, come dire addio alla cellulite

La cellulite è un problema spesso imbarazzante per le donne, specie quando si tratta di indossare un pantalone aderente oppure un costume da bagno. A volte molti rimedi si rivelano inefficaci, ma oggi vi parleremo degli effetti benefici dell’aceto di mele, in grado di eliminare le ritenzioni idriche e non solo.

Iniziamo con il ricordare che da solo l’aceto di mele non può fare miracoli, ma servirà accompagnare questo prodotto naturale ad una dieta equilibrata e a uno stile di vita attivo e non sedentario. E’ molto utilizzato da tutti coloro che soffrono di sovrappeso e cellulite, può bruciare i grassi ed eliminare le tossine, aiuta la circolazione del sangue, riduce la pressione arteriosa e abbassa i livelli di colesterolo cattivo o LDL.

Inoltre l’aceto di mele contrasta l’acidità ed esplica un’azione stimolante sul metabolismo dei grassi, allevia le infiammazioni, favorisce la digestione, ha un’azione disintossicante su fegato e intestino, rispetto all’aceto balsamico ha molte meno calorie (21 contro 88 kcal), favorisce il riequilibrio del pH intestinale e delle vie urinarie, riducendo il rischio di contrarre infezioni e disintossica il colon.

Ma l’aceto di mele aiuta a sconfiggere anche la cellulite e per questo obiettivo basterà utilizzarlo in due modi.

Via orale: in un bicchiere di acqua aggiungete 2 cucchiaini di aceto di mele e una punta di cucchiaino  di miele. Mescolate e bevete al mattino per 15 giorni, poi interrompete per 15 giorni e riprendete a bere questa soluzione per altri 15 giorni, così via fino a quando non vedrete dei miglioramenti.

Via esterna: riempite una tazza per ¼ con crema idratante per il cucchiaio e aggiungete un cucchaio di aceto di mele. Applicate sulla zona colpita dalla cellulite e coprite con una benda. Lasciate agire per mezz’ora, togliete la benda e sulla stessa zona applicate del cotone imbevuto con aceto di mele. Ripetete questa operazione un giorno sì e un giorno no.

 

 

 

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post