Antonella Clerici com’era a 40 anni: spunta la foto con il…

Antonella Clerici com’era a 40 anni: spunta la foto con il suo Oliver

LA PREPARAZIONE
di Marco

Antonella Clerici si mostra in una foto del passato in cui aveva 40 anni ed in braccio il suo cagnolino di appena 40 giorni

Antonella Clerici com'era a 40 anni
Antonella Clerici, spunta la foto di quando aveva 40 anni

Antonella Clerici ricorda sempre il suo amato Oliver, il cagnolino che l’ha lasciata qualche anno fa, sul suo profilo Instagram. Ci sono diverse foto di lui, sparse qui e lì. Adesso, proprio qualche giorno fa, ne è spuntata un’altra. Ma è una foto molto vecchia, che ritrae sia il cagnolino che Antonella, insieme. Uno spettacolo di foto, per intenderci. Il cagnolino era piccolissimo, un cucciolo praticamente. Antonella aveva 40 anni. Ne è passato di tempo, ma i ricordi, quelli belli, non vanno mai via. Antonella ha sempre raccontato di essere stata molto legata a quel cane. Oliver ha lasciato un segno indelebile nel suo cuore e, anche se ama tanto gli animali, ha deciso di non avere più altri cani. Infatti ne ha regalato uno al suo compagno, ma che non definisce ‘suo’.

Antonella Clerici e il suo Oliver: spunta la foto del passato

In questi giorni, in cui il Coronavirus ci ha costretti tutti a casa, Antonella Clerici sta organizzando dirette Instagram per tenere compagnia ai suoi followers. Ma anche per passare il tempo in armonia. Si organizzano ricette, si dispensano consigli… insomma, appuntamenti molto interessanti. Ma c’è anche il tempo per sfogliare qualche album di ricordi mentre si è in casa. E tra le tante immagini è spuntata anche questa in cui ha in braccio il suo Oliver quand’era ancora un cucciolo.

Un cagnolino davvero stupendo. “Questo è Oliver a 40 giorni, ed io a 40 anni…”, questo il messaggio della bella conduttrice. Chissà, questa foto l’avrà portata a dei ricordi indelebili che più che nella mente le sono rimasti nel cuore. Avere un cane è molto di più di ciò che in tanti pensano. Non è un gioco. Ci sono di mezzo dei sentimenti profondi. E’ per questo che, poi, quando gli amichetti a 4 zampe ci lasciano, si soffre così tanto.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post