Antonino Cannavacciuolo, la pastiera servita a Villa Crespi: ricetta da replicare

Antonino Cannavacciuolo, nella sua Villa Crespi, serve una pastiera dal sapore incredibile: vediamo insieme la ricetta per replicarla.

Antonino Cannavacciuolo pastiera ricetta
Antonino Cannavacciuolo (Fotografia da Instagram)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Antonino Cannavacciuolo è uno dei cuochi più famosi d’Italia. Il nativo di Vico Equense, nel corso della sua carriera, ha già conquistato 5 stelle Michelin.

Le stelle sono sinonimo di grande qualità, dal momento che rappresentano uno dei riferimenti più importanti a livello mondiale per la valutazione della qualità dei ristoranti e alberghi a livello nazionale e internazionale.

In questi anni, il napoletano ha preso parte a tantissime trasmissioni televisive. Il classe 1975 è stato il volto di ‘Cucine da incubo’, di ‘Antonino Chef Academy’ e di ‘Family Food Fight’.

Cannavacciuolo è anche uno dei giudici di ‘MasterChef Italia‘ già da diverso tempo. Il 47enne ha anche partecipato al ‘MasterChef All Stars Itaia’ e al ‘Celebrity MasterChef Italia’.

Dal 1999 il grande chef ha preso in gestione Villa Crespi, una fantastica dimora storica presente a Orta San Giulio sul celebre lago.

A Villa Crespi, Antonino serve tra i suoi fantastici dessert anche una buonissima pastiera. Vediamo insieme una ricetta per replicarla.

Antonino Cannavacciuolo, la ricetta della pastiera di Villa Crespi: che bontà

La pastiera è un dolce tipico napoletano che viene preparato e consumato tipicamente durante il periodo pasquale. In realtà, questo fantastico preparato è diventato assai comune ed è possibile trovarlo in pasticceria praticamente tutto l’anno. Anche tra le propria mura domestiche, è possibile prepararla: vediamo insieme la ricetta della pastiera di Antonino Cannavacciuolo.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

ricetta pastiera frutta
Pastiera (Foto di naikus AdobeStock)

INGREDIENTI

  • 300 g di grano cotto
  • 200 ml di latte
  • 1 cucchiaio di strutto
  • La scorza di un’arancia
  • La scorza di un limone

PER LA FROLLA

  • 55 g di farina di mandorle
  • 390 g di farina 00
  • 75 g di uova
  • 135 g di zucchero a velo
  • 220 g di burro in pomata
  • 2 g di sale naturale
  •  1 stecca di vaniglia

PROCEDIMENTO

In una planetaria mescolate il burro con la farina di mandorle, lo zucchero a velo, la vaniglia e il sale. Incorporate poco per volta le uova e la farina bianca, donando al composto una buona consistenza.

Formate una palla e mettetela in frigorifero per un’ora. Nel frattempo, bollite a fuoco bassissimo tutti gli ingredienti e mescolate di tanto in tanto per una mezz’ora. Spegnete e conservate a temperatura ambiente, avendo cura di rimuovere le scorze degli agrumi.

Unite quindi i composti che avete fatto e aggiungete i canditi. Foderate ora una tortiera con la pasta frolla fatta prima, ricordando di lasciarne un po’ da parte. Con la pasta frolla rimasta, formate delle strisce e intrecciatele sulla superficie della torta. Cuocete adesso nel forno per 190 gradi per circa un’ora.

Antonino Cannavacciuolo pastiera ricetta
Antonino Cannavacciuolo (Fotografia da Instagram)

 

Con l’ausilio di uno stecchino, potete infine controllare la cottura interna della pastiera. A cottura ultimata, fatela rassodare a forno socchiuso per 90 minuti. Quando la torta è raffreddata, ricordate di servirla a temperatura ambiente.