Caffè Nespresso, scoperta sconcertante nello stabilimento svizzero

È stato sconcertante il ritrovamento fatto dallo staff di uno degli stabilimenti della Nespresso in Svizzera. Dato l’allarme, è stata subito allertata la polizia e sono partite le indagini tuttora in corso.

Nespresso ritrovamento cocaina
Caffè Nespresso (Instagram@nespresso.it)

LE RICETTE PIU’ BUONE DI OGGI:

  1. Schiacciata integrale alle zucchine filante e leggerissima. Una bontà unica
  2. Pasta gratinata al forno con tonno. Economica e gustosa perfetta per il weekend
  3. Rotolo di frittata con spinaci e salmone: sfiziosissimo e pronto in pochi minuti

La notizia è stata subito ribaltata su diversi media internazionali. In Svizzera, precisamente nel cantone di Fribourg, a Romont, nello stabilimento della Nespresso, di proprietà della Nestlè, alcuni dipendenti hanno fatto una scoperta che li ha lasciati basiti.

Mentre stavano scaricando i sacchi di caffè che erano stati appena consegnati ne hanno trovati altrettanti contenenti una polvere bianca non identificata che li ha subito insospettiti.

Ad essere nascosta tra i sacchi di caffè era infatti della cocaina rivelatasi del tipo più puro. I dipendenti hanno immediatamente avvisato la polizia che è subito intervenuta a sequestrare ed analizzare il materiale.

Le indagini della polizia svizzera

Sono 500 kg di cocaina purissima ad esser stati ritrovati in cinque container dello stabilimento. Dai primi risultati delle indagini ancora in corso è emerso che si tratta di cocaina pura all’80% per un valore di 50 milioni di franchi svizzeri, l’equivalente di circa 48 milioni di euro.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

cialde caffè Nespresso ritrovamento cocaina
Cialde di caffè Nespresso (Foto di Edward Lich da Pixabay)

Si sospetta che la provenienza sia dal Brasile, per una produzione destinata al mercato europeo, ma altri accertamenti devono ancora essere effettuati e le indagini della polizia proseguono e sono ancora in corso.

La Nespresso, da parte sua, ha voluto rassicurare i consumatori sul fatto che i lotti rinvenuti sono stati subito isolati e la sostanza stupefacente non è in alcun modo entrata in contatto con l’attrezzatura usata per la produzione del caffè.

L’azienda ha ribadito inoltre che la sicurezza sui prodotti non è venuta meno e che non ci sono rischi riguardo il loro consumo garantendo sui severi controlli di qualità che vengono effettuati anche in questo caso.

tazzina caffè Nespresso ritrovamento cocaina
Tazzina di caffè Nespresso (Foto di Nathaniel Stensen da Pixabay)

La maggior produzione delle capsule di caffè Nespresso avviene proprio in Svizzera nei tre stabilimenti presenti per poi essere esportate nel resto del mondo.