Carlo Cracco, brutta notizia per lui: l’ha appena saputo

Carlo Cracco, brutta notizia per lui: l’ha appena saputo

LA PREPARAZIONE
di Marco

Carlo Cracco, quella appena arrivata è sicuramente una brutta notizia per lui: scopriamo insieme cosa è successo allo chef tanto famoso

Carlo Cracco brutta notizia
Carlo Cracco riceve una brutta notizia

Lo chef Carlo Cracco ha appena ricevuto una brutta notizia. E’ appena stata pubblicata la guida Michelin 2020 e tra le stelle attribuite quest’anno, il suo nome, non c’è. Non compare il suo ristorante ‘Cracco in galleria’ sulla lista dei locali a cui va la stella quest’anno. Evidentemente, lo chef non ha convinto gli esperti e per questo non gli è stata ‘restituita’ quella stella persa due anni fa. Lo chef ci teneva tanto e tutti sanno che si è impegnato molto per riottenerla. Tuttavia, come vediamo, non è andata secondo i piani.

Carlo Cracco, brutta notizia per lo chef

Il suo ristorante, Cracco in galleria, rimarrà fermo ad una stella. Un riconoscimento di tutto rispetto, ci mancherebbe, ma che comunque non è ‘abbastanza’ per lo chef che punta sempre a migliorare e migliorarsi. Ma come ha perso la seconda stella? Il suo ristorante, Cracco-Peck, sito in via Victor Hugo a Milano, ne aveva due. Poi, da quando lo chef si è trasferito in galleria, a Milano, nei pressi del Duomo ed in una posizione che possiamo tranquillamente definire d’elite, gli esperti gli portarono via una stella. I ristoranti con una stella Michelin, a Milano, sono attualmente soltanto 15. Insomma, quello che ha adesso, Carlo Cracco, non è mica poca roba. Certo, in tanti pensavano che quest’anno avesse potuto riconquistare la stella persa, ma gli esperti hanno deciso per il ‘no’. Ci riproverà ancora, lo chef, ad ottenere quello che tanto desidera?

Gli esperti Michelin assegnano le stelle sulla loro guida in base a qualità del cibo, del servizio, dei locali. Insomma, ci sono parametri ben precisi da rispettare e non è affatto semplice soddisfare le richieste in tal senso. Cracco, di stelle, ne ha già conquistate e siamo sicuri che sappia bene come si fa. La prossima volta, di sicuro, andrà meglio.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post