Come preparare gli gnocchi senza patate: solo due ingredienti

Come preparare gli gnocchi senza patate: solo due ingredienti

LA PREPARAZIONE
di Marco

Come preparare gli gnocchi senza patate: più consistenti e con solo due ingredienti, procedimento semplicissimo

Gnocchi senza patate
Come fare gli gnocchi senza patate

Gli gnocchi possono essere suddivisi in due categorie: con patate e senza patate. Quelli senza patate sono più corposi, consistenti. Mentre quelli con le patate risultano più morbidi. Senza patate, vale a dire soltanto con acqua e farina. Sono già un piatto abbastanza economico, ma eliminando anche le patate sono sinonimo di semplicità e ‘convenienza’. Se non volete comprarli al supermercato e farli in casa, beh, allora siete nel posto giusto. Cosa ci serve, in tutto, per la realizzazione di questa ricetta? Vediamo insieme quelli che sono gli ingredienti e il procedimento per questa pietanza che darà il sorriso a tutti.

Gnocchi senza patate: solo acqua e farina

500 g Farina 00
Acqua q.b.
Sale q.b.
Olio extravergine di oliva

Questi gli ingredienti che occorrono. Giusto un po’ di olio extravergine e un pizzico di sale in aggiunta. Ma gli ingredienti di base sono acqua e farina: un piatto semplice, economico e sorprendentemente buono. Come si preparano? Non è così difficile. Prendete una ciotola e metteteci dentro la farina formando il buco al centro: aggiungete un pizzico di sale, giusto un cucchiaino di olio extravergine di oliva e pian piano potrete iniziare a versare l’acqua, circa metà. Per potervi regolare, potete osservare che sia la metà in proporzione rispetto alla farina. Utilizzare l’acqua tiepida: un piccolo trucco per ottenerli più buoni. Adesso, trasferite l’impasto su una superficie e cominciate a lavorarlo fino a renderlo morbido ed omogeneo. Mettetelo in un recipiente e copritelo con un panno, in modo che non si secchi in superficie, per circa 20-30 minuti. Trascorso questo tempo, sarà l’ora di mettervi sul tavolo e cominciare a formare prima delle strisce cilindriche, poi dei piccoli pezzettini, per poi finire col dare la classica forma degli gnocchi con le dita.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post