Curarsi con l’aglio, un’antica ricetta tibetana

Curarsi con l’aglio, un’antica ricetta tibetana

L’aglio è un ortaggio dalle molteplici proprietà benefiche, ma non tutti i suoi nutrienti vengono assimilati dal nostro organismo, anche mangiandolo crudo. Per questo motivo sarebbe meglio utilizzare la tintura di aglio che può essere realizzata in casa con una ricetta antichissima che vi illustreremo.

iStock_000055651126_Large

L’aglio è ricco di potassio, zinco, ferro, sodio, magnesio, manganese, selenio, vitamine del gruppo B, vitamina C, E, J, K. E’ un antisettico e battericida naturale per eccellenza, è uno degli antiossidanti più efficaci che vi sia in natura, protegge le cellule del nostro organismo dall’ossidazione prodotta dall’attività dei radicali liberi. Grazie alle sue proprietà tonificanti rafforza e pulisce le arterie e rafforza il sistema cardiovascolare, abbassando i livelli di colesterolo ed equilibrando i valori della pressione sanguigna.

Laglio ha inoltre proprietà digestive, antitumorali, rafforza il sistema immunitario, lenisce il mal di denti causato da carie, abbassa i livelli di piombo e altri metalli pesanti presenti nel sangue e riduce anche i sintomi dell’intossicazione come il mal di testa e la pressione sanguigna alta. Non apporta mole calorie: ogni 100 grammi di parte edibile si ha un apporto calorico pari a 41 calorie.

Ma per beneficiare in pieno di tutte le sue salutari proprietà si consiglia di preparare la tintura (o estratto alcolico) di aglio, una vera e propria medicina naturale attualmente ancora utilizzata in Oriente, soprattutto in Cina. Infatti l’alcol potenzia le proprietà curative di ingredienti utilizzati e permette di conservare la medicina impedendole di deteriorarsi.

Secondo la tradizione tibetana la tintura di aglio sarebbe efficace contro l’arteriosclerosi, il mal di testa, la sinusite, l’ipertensione, l’impotenza, l’ischemia, le emorroidi, le malattie polmonari e i reumatismi. In più purifica l’organismo dalle tossine, è anticoagulante, scioglie i calcoli renali, assorbe eventuali tumori, migliora il metabolismo, purifica le arterie, contrasta la ritenzione idrica e aumenta le difese immunitarie.

Per preparare la tintura di aglio secondo la ricetta tibetana vi occorrono 350 grammi di aglio biologico, 250 grammi d’alcool etilico per alimenti a 96 gradi per uso interno. Tagliate a pezzettini e schiacciate gli agli con un mortaio dopo averli privati della pellicina. Mettete la poltiglia in una bottiglia e versateci l’alcool, chiudete ermeticamente e lasciate la bottiglia per 10 giorni in un luogo fresco e buio. L’undicesimo giorno filtrate attraverso un pezzo di stoffa in cotone, spremendone il residuo in una boccettina con il contagocce. Prima di poterlo utilizzare dovrete conservarlo per altre tre settimane in un luogo fresco e buio.

Dopo tre settimane si può iniziare la cura tenendo conto della scaletta seguente: potete diluire le gocce in 50 g di succo di frutta o in acqua, ricordandovi di sbattere la bottiglia prima dell’uso e di assumere questa medicina naturale 20 minuti prima dei pasti. Terminata la bottiglietta la cura naturale andrà ripetuta dopo 5 anni.

 

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post