Forno pirolitico, vi spieghiamo come funziona e se fa risparmiare veramente | Lui si pulisce da solo

Sai cos’è il forno pirolitico? Ha veramente molti vantaggi, si risparmia di più ed è autopulente.Scopriamo tutto su questo interessantissimo elettrodomestico.

forno pirolitico
Forno pirolitico (AdobeStock)

È sempre più diffuso sul mercato, a disposizione dei consumatori che molto spesso lo preferiscono a quello classico per diversi motivi.

Innanzitutto, cos’è il forno pirolitico e in cosa si differenzia da quello tradizionale? Si tratta di un forno molto simile e che svolge le stesse funzioni, ma anche qualcuna in più.

Infatti, ha la funzione autopulente e quindi si pulisce da solo. Sembra fantastico! Lo è, perché attraverso il calore, così come avviene per la lavastoviglie o la lavatrice, elimina lo sporco e le incrostazioni.

Questo accade con un processo chiamato pirolisi in cui azionando questa funzione il forno raggiunge una temperatura molto elevata, 500° che ha il potere di trasformare in cenere tutte le scorie. Dopo basterà solo rimuoverle via con una spazzola.

Svolge perciò un’attività simile a quella del forno catalitico autopulente anche se è molto più potente in quanto il catalitico si ferma ad una temperatura di 250°.

LEGGI ANCHE –>Come sostituire il caffè: 4 alternative salutari. Addio gonfiore addominale e irritabilità

Cosa fa e quanto consuma un forno pirolitico?

La funzione autopulente del forno pirolitico è regolabile per cui si può azionare in modo fiverso in base alla quantità e all’intensità di sporco presente permettendo cicli di autopulizia più o meno alti.

forno pirolitico
Azionare il forno (Pexels)

Nonostante raggiunga temperature davvero notevoli garantisce compunque sicurezza per chi lo utilizza anche perché si riscalda solo internamente mantenendo la parte esterna molto meno calda.

Durante la fase di pulizia inoltre, lo sportello non può essere aperto, un altro elemento quindi di protezione per gli utenti.

LEGGI ANCHE –>Tisichelle delle Monache, la ricetta tipica umbra per il Natale

Quanto al consumo ovviamente non è basso dovendo raggiungere temperature elevatissime. Si calcola che si vada tra i 2,5 kW ed i 4,8 kW in base all’utilizzo e al livello di intensità impiegato.

Questo riguarda principalmente la funziona autopulente perché per il resto funziona come un forno normale. E si considera anche che la pulizia non deve avvenire ogni volta che lo si usa, ma in base allo sporco può essere più o meno frequente.

Tra i vantaggi c’è comunque quello di non dover usare detersivi per pulirlo e, oltre a risparmiare su quelli, la pulizia è più profonda.

Quanto costa il forno pirolitico? Conviene comprarlo?

Il costo del forno pirolitico è certamente più alto di quello tradizionale. Se un forno classico costa tra i 150 e i 200 euro per questo il prezzo va tra i 300 e i 500 euro.

LEGGI ANCHE –>Biscotti Pan di zenzero, o Ginger bread cookies: i dolci più buoni del Natale

Per quanto riguarda la convenienza di avere in casa questo elettrodomestico c’è da considerare soprattutto il consumo che se ne fa e al tipologia di cibo che si usa cucinare.

Se si è soliti preparare cibi che producono una grande quantità di sporco, come i grassi, così come se è abitudine usare la modalità grill per molte pietanze, allora certamente può rappresentare un ottimo investimento perché la funzione autopulente verrebbe molto sfruttata.

forno pirolitico
Forno (foto di New Africa da AdobeStock)

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

In caso contrario bisogna calcolare il reale utilizzo che se ne farebbe e la stretta necessità della modalità autopulente in rapporto ai costi dell’energia e valutare di conseguenza.