Tutti pazzi per il Longevity Pokè: benefici di uno dei trend food 2022

È Pokè mania, e se oltre ad essere un trend fosse anche salutare? Si chiama Longevity Pokè e racchiude i benefici e i segreti di una cucina da centenari.

Pokè è salutare?
Pokè di differenti gusti (foto da Pexels di polina-tankilevitch)

Si scrive pokè si legge cucina hawaiana. Per chi ancora non sapesse di cosa stiamo parlando, si tratta di un piatto tipico dell’isole del Pacifico a base di verdure e pesce crudo e può essere servito come antipasto o piatto unico.

Negli ultimi anni sta rubando la scena a livello globale, tanto che oggi ci sono catene di ristoranti che presentano nel proprio menù solo pokè anche se di diversi gusti. In realtà, però, il piatto non è un’invenzione recente, si tratta di uno dei piatti tipici e tradizionali della cucina hawaiana, il suo successo è tutto dovuto alla sua “intagrammabilità” un neologismo (o quasi, ndr) con il quale ci si riferisce a quei piatti, quando parliamo di cucina, che si risultano essere particolarmente fotogenici.

È una mania quindi, ma c’è da chiedersi con tutti quegli ingredienti e topping calorici può essere il pokè anche salutare? Certo che sì, se a proporre la sua struttura sono dei nutrizionisti esperti.

Longevity Pokè ovvero quando un trend diventa healthy

A mettere ma no al pokè sono stati i nutrizionisti della Fondazione Valter Longo Onlus che hanno reinventato la bowl ma in chiave healthy. Scopriamola.

pokè bowl un trend healty
Pokè di salmone, avocado, cetrioli, fave e semi (foto da Pexels di kei-scampa)

Appurato che anche per il 2022 il pokè sarà un food trend, i nutrizionisti della Fondazione Valter Longo Onlus hanno deciso di reinterpretare il piatto di origini hawaiane per dare vita ad una versione di questo più salutare.

Lo hanno denominato Longevity Pokè e rientra in quella concezione di nutrizione sana e stile di vita equilibrato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Mangiare in salute. Le regole d’oro per alimentarsi nel modo giusto 

Questa versione del pokè super haelthy unisce gli ingredienti della tavola dei centenari, e quindi cereali come il riso e la freschezza delle verdure, con l’apporto proteico di legumi o il pesce, quest’ultimo da scegliere in particolar modo tra salmone e sgombro in quanto più ricchi di Omega3.

pokè salutare come comporla
Pokè di verdure e gamberi (foto da pexels di polina-tankilevitch)

L’idea è quella di apportare all’organismo tutti i nutrienti che gli permetterebbero di mantenersi in salute più a lungo, concentrandoli però in unico piatto.

Il Pokè perfetto per ottenerne benefici

Tenendo conto dei propri gusti, il Longevity Pokè non ha una ricetta vera e propria, ma linee guida che riguardano tutte le abitudini alimentari che distinguono la dieta dei centenari. Secondo questa direttiva la bowl dovrebbe avere un ridotto contenuto di proteine animali, preferendo fonti proteiche vegetali.

Semaforo rosso per gli zuccheri e grassi saturi, mentre via libera ai grassi “buoni” quello che troviamo in pesce azzurro e il già citato salmone, ma anche olio di oliva e frutta a guscio.