Dieta della longevità, cosa mangiare per vivere a lungo. Lo dice la scienza

Vivere più a lungo possibile è un sogno condiviso. Per garantirsi di trascorrere più tempo sulla terra, e nel farlo in ottima salute, la dieta della longevità è la svolta.

Dieta longevità
Dieta longevità (Foto di cottonbro da Pexels)

LE RICETTE PIU’ BUONE DI OGGI:

  1. Mini quiche al Montasio e funghi, antipasto veloce da preparare all’ultimo momento
  2. Filetto di salmone in crosta di pistacchi e verdurine: ricetta perfetta se sei a dieta
  3. Rotolini di vitello con spinaci, senape e miele: ricetta veloce e gustosissima

Il tic tac dell’orologio può destare preoccupazione. Il tempo scorre inesorabilmente e quasi senza accorgersene le candeline aumentano anno dopo anno, portando ad avvicinarsi alla temuta vecchiaia.

Questa fase della vita è spesso associata a problematiche fisiche e mentali, ma in realtà può essere vissuta con spensieratezza e allungandone la durata, godendosi così la vita il più a lungo possibile, grazie a scelte sane. Singole azioni che se protratte fin dalla gioventù aiutano a restare più longevi.

In tutto questo l’alimentazione gioca un ruolo centrale: nutrirsi nel modo corretto è la chiave magica per avere una salute di ferro e trascorrere quanti più giorni possibili.

La lunghezza dell’esistenza è legata a doppio filo alla nutrizione in quanto, citando il filosofo tedesco Feuerbache, siamo quello che mangiamo e per garantirsi una lunga esistenza non si può non prestare attenzione ai cibi portati in tavola.

A provarlo il biologo italo-americano Valter Longo con i suoi studi sul tema, sfociati nella creazione della dieta della longevità.

Dieta della longevità: come funzione

Più che una dieta quella individuata da Longo è un lifestyle in cui a fare da perno è un interesse centrale: il benessere.

Ortaggio proprietà miracolose
Banco frutta e ortaggi (Foto di MoustacheGirl per Pixabay)

Si tratta di un’approccio focalizzato a donare al corpo energia e nutrizione, selezionando i giusti alimenti e introducendo anche digiuni depurativi.

Questo non significa rinunciare al gusto, ma bensì puntare sugli alimenti alleati della salute. Sì a verdura e frutta, legumi, cereali, olio di oliva, cioccolato fondente e proteine magre. Vanno bene alimenti come pesce e carni bianche, da mangiare in quantità esigue, escludendo quella rossa e quelle troppo lavorate.

La sana alimentazione deve poi essere associata all’idratazione costante e al movimento, evitando uno stile di vita sendentario.

Dimagrire in primavera
Praticare sport (Foto di AndiP da Pixabay)

A breve il biologo realizzerà uno studio su un campione di 500 persone del sud d’Italia in quanto la loro dieta sembra essersi simile, in particolare quella dei sardi, a quella degli abitanti di Okinawa, luogo del Giappone noto per i suoi abitanti ultra centenari.