Fumo, ridurre i danni ed i rischi delle sigarette attraverso l’alimentazione

In Italia il fumo è la prima causa di morte derivante da fattori facoltativi: nonostante ciò e qualora si volesse continuare con questa brutta abitudine, ci sono alcuni modi per ridurre i danni ed i rischi delle sigarette attraverso l’alimentazione. Scopiamo come insieme.

fumo sigarette ridurre danni rischi alimentazione
Fumo di sigarette (Sammy-Sander da Pixabay)

LE RICETTE PIU’ BUONE DI OGGI:

  1. Biscotti salati al formaggio più buoni che mai. Con questa ricetta sorprenderai tutti
  2. Salame al cioccolato, ricetta di Cracco. Il tocco dello chef che nessuno si aspettava
  3. Risotto dello stalliere, il piatto della primavera con solo 3 ingredienti. Possono farlo tutti

Smettere di fumare non dovrebbe essere una possibilità ma un obbligo. I danni che producono le sigarette sono immani e prima si smette meglio è. Difatti il fumo è la prima causa di morte evitabile in Italia.

Abbiamo già passato in rassegna cosa accade al nostro corpo quando si effettua questa pratica e qualora voleste consultare l’articolo, potreste dare un’occhiata al seguente link.

Esistono però in natura alcuni cibi che se consumati possono comunque alleviare gli effetti delle sigarette. Questo non significa che vi facciano stare bene come se non fumaste bensì sono un piccolo palliativo.

Andiamo dunque a scoprire come limitare i danni ed i rischi delle sigarette e del fumo attraverso l’alimentazione.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Ridurre i rischi e i danni delle sigarette attraverso l’alimentazione

La prima sostanza da introiettare nel corpo di un fumatore è sicuramente la Vitamina C poiché essa viene consumata in maniera maggiore rispetto a persone che non fumano.

Dunque via libera a peperone giallo, broccoli, fragole, kiwi ed agrumi come pompelmo, arance, limoni e lime.

cosa mangiare fumatore
Agrumi, fonte ricca di vitamina C (Obodai26 da Pixabay)

Non basta però semplicemente introdurre la Vitamina C all’interno del proprio corpo poiché il corpo, come se la ripugnasse, la espelle dopo poco.

I fumatori devono quindi introdurre giornalmente dosi più elevate e non possono permettersi di non farlo o trascurare questo fabbisogno, pena una carenza grave che si determina nel giro di poche ore, non giorni.

Vitamina D, la sostanza perfetta per i fumatori

Per chi abitualmente svolge la mansione di fumare, un’altra opzione da scegliere è quella di introdurre grandi dosi di Vitamina D all’interno del proprio corpo.

Questa sostanza infatti è un potente antiossidante, antinfiammatorio, rallenta l’insorgenza di malattie polmonari e migliora la funzionalità respiratoria.

La fonte principale da cui attingere a questa vitamina è l’esposizione al sole; essa poi si trova anche negli alimenti ma in piccole tracce.

L’unico alimento in cui possiamo ritrovare grandi dosi di vitamina D è l’olio di fegato di merluzzo.

Vitamina D come agisce corpo
Vitamina D (Foto di Ivan T. per AdobeStock)

Possiamo però ritrovarne delle tracce anche nel tonno, nel salmone, in tutti i frutti di mare, nelle uova, nei funghi e nel latte.

Il consiglio però principale resta quello con cui abbiamo aperto l’articolo: smettere di fumare non rappresenta una possibilità ma un vero e proprio obbligo.