Combattere la cellulite con l’ayurveda

Combattere la cellulite con l’ayurveda

La cellulite è un disturbo che colpisce l’ipoderma e si manifesta nelle donne con l’ormai noto aspetto bucherellato a buccia d’arancia. In realtà si tratta di un aumento di volume delle cellule adipose in zone particolari del corpo, come cosce, fianchi e glutei. E’ l’incubo di tutte le donne che spesso le provano davvero tutte per risolvere questo brutto problema.

Inutile dire che conta molto l’alimentazione, l’attività fisica e bere molta acqua. Ma se proprio volete provare a risolvere il problema della cellulite da un’angolatura diversa potete provare con l’ayurveda, l’antica medicina indiana, secondo cui la cellulite è causata da un accumulo di tossine, che non vengono adeguatamente smaltite e causano dei ristagni.

Per combattere la cellulite secondo l’ayurveda bisogna innanzitutto correggere l’alimentazione. Bisogna eliminare i cibi ricchi di grassi e troppo salati e dare maggior spazio alle verdure crude, alle spezie, ai cereali. Inoltre al mattino consiglia di bere almeno mezzo litro di acqua calda allo zenzero per favorire l’eliminazione delle tossine e contrastare i gonfiori.

Un altro strumento valido per combattere la cellulite è il massaggio ayurvedico, applicabile sulle zone specifiche e con oli anti-kapha, per sciogliere gli accumuli e donare una rinnovata leggerezza. Per fare questo non potete che affidarvi alla competenza dell’operatore ayurvedico di vostra fiducia.

La cellulite può essere contrastata anche con tisane e spezie, ad esempio lo zenzero, il pepe nero, il timo, l’origano, il cumino, il coriandolo, i chiodi di garofano, la curcuma e il finocchio. Inoltre si può procedere con il trattamento Udgarshan, piccoli tamponi contenenti particolari farine, erbe e semi che vengono premuti su punti specifici del corpo, allo scopo di riattivare e stimolare la circolazione e favorire lo smaltimento di cellule adipose.

Lo yoga e le tecniche respiratorie conosciute con il nome di pranayama possono rivelarsi utili per bruciare grassi. Ad esempio la respirazione detta kapalabati si effettua contraendo la pancia vigorosamente al momento dell’espirazione. Yoga e particolari tecniche respiratorie andrebbero eseguite sotto il controllo di un maestro.

 

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post