Infuso di karkadè contro ipertensione, colesterolo e stitichezza

Infuso di karkadè contro ipertensione, colesterolo e stitichezza

L’infuso di karkadè si prepara con i fiori di ibisco, ha origini asiatiche ed è particolarmente utilizzato per le sue molteplici proprietà curative, oltre che per il suo piacevole e delicato sapore. L’infuso ha un colorito rosso dovuto alla presenza di antociani, flavonoidi e fitosteroli che fanno di questa bevanda un autentico toccasana.

Infuso di karkadè

Il karkadè ha preso strada nel nostro Paese soprattutto per le proprietà dissetanti e a tale scopo viene usata una forma ghiacciata di tè. Ma si rivela molto utile soprattutto per chi soffre di ipertensione, per abbassare i livelli di colesterolo cattivo nel sangue, per le sue proprietà antitumorali, per le sua capacità digestive e come antidepressivo: il consumo di questo tè può infatti aiutare a rilassare il sistema nervoso ed a calmare ansia e depressione.

Inoltre il karkadè ha notevoli proprietà antisettiche, perfetto per curare le infezioni legate alle vie urinarie, depura l’organismo da scorie e tossine, stimola la funzione dei reni e facilita l’espulsione delle feci. Infatti è indicato soprattutto per chi soffre di stitichezza e per regolare il transito intestinale. Ad uso esterno il karkadè è in grado di lenire arrossamenti e scottature della pelle sensibile e come antibatterico e vermifugo.

Come ogni erba officinale ha delle piccole controindicazioni: se ne sconsiglia l’uso ripetuto alle persone che soffrono di pressione bassa e un consumo eccessivo può avere effetto lassativo. Fare attenzione in caso di gravidanza e allattamento.

Ingredienti

  • 1 l di acqua minerale
  • 4 cucchiai di fiori di ibisco essiccati
  • Qualche fetta di limone
  • Dolcificante naturale come sciroppo d’agave, miele o stevia

Preparazione

In un pentolino fate bollire 1 litro di acqua, spegnete il fuoco e lasciate in infusione per 10-15 minuti i fiori di ibisco e le fettine di limone. Una volta raffreddato versate in una bottiglia di vetro e conservate in frigo, bevendo 2 tazze al giorno che dolcificherete con miele, stevia o sciroppo d’agave.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post